Serata Berlucchi


’61 Satèn: la sala si è divisa quasi a metà fra questo Satèn e il Pas Dosè. Sono, in effetti, un pò gli estremi della produzione Berlucchi, escludendo il Rosè. Questo piace per la sua cremosità, i suoi profumi accennati di lievito ed eleganti di frutta succosa. Miele. Beva clamorosa e finale precisissimo, un pò corto. Troppo sfuggente per i puristi delle bollicine.

Cuvée Imperiale Brut: decisamente più complesso del Satèn, ne evolve le note di lievito verso quelle della crosta di pane e ne accentua decisamente le note agrumate. Note floreali. Finale più articolato e ambiguo, la nota mandorlata arriva prima e fa quindi spazio ad un finale suadente. Una via di mezzo fra il Satèn e il Pas Dosè, fra gli altri rimane meno in mente.

Cellarius Pas Dosè 2008: l’altro estremo, personalità all’eccesso e razza. Purosangue della spumantizzazione, è così, prendere o lasciare. Come una smart mimetica. Nessuno spazio ai compromessi e alle note di mezzo, pane tostato e i primi frutti rossi che compaiono. Croccanti anche loro. Corpo da vendere e finale lungo e pieno.

’61 Rosé: il 60% di pinot nero lo rende unico stasera. Il più vino di tutti, mi diceva qualcuno. Ed è vero, perché il “rosè di una notte” (come lo chiamano loro ricordando il breve periodo di macerazione a contatto con le bucce) qui si sente tutto. Il pinot nero oltre al frutto si porta dietro anche un corpo a volte ingombrante, di sicuro non un vino spumante da aperitivo. Soddisfazione a tutto pasto.

 Cuvée Imperiale Demi Sec: Berlucchi si ferma al Demi Sec come dosaggio e debbo dire che è un vino questo in grande continuità con i precedenti. Ti introduce al mondo dei desser con delicate note di fiori bianchi, vaniglia e più decisi sentori di pasticceria da forno. Sapidità da vendere come gli altri, ma qui si nota di più.

 

Negli ultimi sette giorni ho avuto la fortuna di bere anche Moet & Chandon Rosè, Veuve Cliquot “La grande Dame” 1998. Beh, se parliamo di livello qualitativo assoluto forse i francesi vincono in personalità, ma se parliamo di rapporto qualità prezzo non c’è partita e i Berlucchi sono avanti.

Immagine1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...