Filosofia dell’analisi olfattiva – Chi annusa il vino non è poi così pazzo.


Claudio drinks Wine

red wine tasting manIn un post precedente abbiamo parlato di come si effettua l’analisi visiva di un vino.
Quest’oggi ci soffermeremo invece su ciò che è considerato il più grande ostacolo degli amanti del vino e dei Sommelier: l’analisi olfattiva.
Senza dubbio alcuno è il momento in cui l’uomo stabilisce il contatto più intimo con il vino. Gli odori sono per noi la memoria del nostro passato e quando li riconosciamo richiamano alla mente luoghi, persone ed emozioni. Purtroppo l’evoluzione della nostra specie ha reso l’olfatto un senso indebolito poiché con lo sviluppo della società moderna non è stato più utilizzato come strumento per procacciare cibo. Alcuni studiosi pensano che l’uomo abbia perso sensibilità olfattiva per la postura da bipede. Sembra di fatti che gli animali a quattro zampe abbiano un fiuto più sensibile perché devono percepire le loro prede, siano essi vegetali o animali, sovrastando l’odore del terreno che essendo vicino al naso tende…

View original post 414 altre parole


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...