Ben Ryé – Passito di Pantellria – Donna Fugata


Una delle tante cose positive che la frequentazione di un corso di qualificazione professionale per sommelier AIS ti porta è un sensibile ampliamento di conoscenza, non solo tecnica, ma anche in fatto di vini e produttori.

Se quindi Donna Fugata era azienda nota, non lo era per me il loro vino passito di Pantelleria Ben Ryé, da uve zibibbo (nome locale del Moscato di Alessandria). Ben Ryé, il figlio del vento. Figlio appunto di quel vento che soffia fra i grappoli esposti per lungo tempo ad appassire al sole, questo vino si porta dietro quello che il vento conduce. E quindi dietro un colore giallo ambrato, questo passito brillante e decisamente consistente ti inebria con profumi d’Africa, di datteri e altra frutta a polpa gialla matura, di miele e qualcosa di mare.

Un vino da gustare anche da solo, da solo basta. Magari con dei buoni amici dopo un’ora di frigo.

untitled

Annunci

2 risposte a "Ben Ryé – Passito di Pantellria – Donna Fugata"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...