#SeiNazioni 2013: da zero a dieci


0, all’impianto audio dello Stadio Olimpico: quando sembra fare schifo, ti sorprende e la volta dopo si sente ancora peggio. Inammissibile non riuscire ad ascoltare l’inno dell’Irlanda.
1, alla presenza su twitter della Federazione Italiana Rugby: twitter non serve solamente per comunicare i risultati, serve soprattutto per ascoltare gli utenti e interagire. Siamo ancora lontani anni luce da un utilizzo corretto dello strumento, qui è solo “apriamo un account perché pare ce l’abbiano tutti”.
2, alla Francia: ultimo posto nel torneo e prestazioni scadenti. La delusione del torneo.
3, al rapporto qualità/prezzo del terzo tempo Peroni: passi il costo alto (uguale a quello dei banchi sul lungotevere) ma non si può sorvolare su pane vecchio e scadente, anche tenuto conto che non c’è alternativa, fatta eccezione per le patatine.
4, al marketing della FIR: un paio di stand montati in un paio d’ore per vendere prodotti ufficiali Adidas a costi elevatissimi (come in un negozio, del resto). File e resse, gente che non compra e nemmeno l’ombra di prodotti carini a prezzi abbordabili. Chi crede non si possa fare in altro modo si faccia un giro negli altri stadi del Sei Nazioni.
5, ad Andrea Masi: a mio avviso decisamente sotto tono per gran parte del torneo. Speriamo non abbia fatto il suo tempo.
6, al pubblico italiano: partecipazione non massiccia, mi riferisco soprattutto alla partita con il Galles. Ma la cosa più spiacevole sono i fischi al momento dei calci di punizione, abitudine che sta diventando moda. Fermiamoci.
7, alla Scozia: assieme all’Italia, la sorpresa del torneo. Così impariamo a considerarla una cenerentola.
8, al Galles: dopo la prima sconfitta tutti lo davano per morto. Invece vincono il torneo e stravincono la partita decisiva con l’Inghilterra, in chiaro debito d’ossigeno (si era visto anche contro l’Italia nel turno precedente).
9: ai trequarti azzurri: finalmente di livello internazionale, da oggi l’Italia non è più solo cuore, determinazione e difesa.
10, a Brunel: l’ho scritto più volte e non voglio ripetermi. Ero un Mallettiano convinto, ma Brunel ha fatto fare un salto di qualità straordinario. Chapeau, anche a chi l’ha fortemente voluto.

Fuori classifica, il Barone Andrea Lo Cicero. Ci saluta, avendo fatto il suo tempo ma, soprattutto, avendo fatto la storia del rugby in Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...