#6Nazioni : Italia-Francia da 1 a 10


  1. All’impianto audio dell’Olimpico, un habituè dei punteggi bassi in pagella: ieri, se possibile, anche peggio visto che si sentiva male addirittura lo speaker.
  2. All’impianto videowall dell’Olimpico: ogni volta fanno un errore, stavolta sono riusciti nell’impresa di non visualizzare la foto di Parisse al momento della lettura delle formazioni, mentre nel frattempo lo speaker si sgolava nel chiamare “il capitanoooo”.
  3. All’insistenza del mailing FIR che ci ricorda come la mobilità all’interno dello Stadio Olimpico “venga modificata in occasione della partita”. Grazie, ma forse pensano che i tifosi siano, come loro, abituati a stadi da 10.000 posti …
  4. Alla pochezza degli stand e della capacità di fare marketing. Per essere all’altezza delle altre organizzazioni europee del 6 Nazioni, non bastano due bancarelle in tela con i prodotti ufficiali Adidas. Anche la sezione ristoro si addice di più ad una Festa dell’Unità.
  5. Ai prezzi di cibo e bevande al terzo tempo. Sarò polemico ma mi sono sembrati decisamente alti.
  6. Allo Stadio Olimpico non esaurito. Comunque tanta gente, ma stavolta c’erano veramente tanti posti vuoti, nascosti con coreografie e scritte create con i seggiolini. Con i prezzi che la FIR ha deciso, mi sarei aspettato più partecipazione. Attenzione, che poi qualcuno dovrà giustificare il perché non facciamo un 6 Nazioni itinerante in Italia.
  7. A Venditti e Benvenuti, due ragazzi che stanno facendo e faranno la fortuna di questa squadra. Potenza e tecnica assieme, in un mix di rugby moderno che crea penetrazioni non solo efficaci, ma anche bellissime a vedersi.
  8. A Luciano Orquera, autore di una partita veramente superlativa. La maggior parte del merito della meta di Parisse è nella sua penetrazione con finta magistrale. Nessun errore sui calci, abbastanza semplici per la verità, ma soprattutto una gestione della palla lucida e attenta, anche nelle situazioni di tensione. E una variazione di gioco raramente vista prima in Italia.
  9. Ai giocatori dell’Italia e alla loro continuità di gioco nell’arco di tutta la partita. Forse è questo il vero passo in avanti di questa partita.
  10. A Brunel, senza dubbio, artefice di tutto ciò. Sono sempre stato un fan di Nick Mallett e continuo a pensare  che sotto la sua gestione l’Italia abbia fatto passi in avanti. I passi in avanti che poteva fare in quel momento. Ora capisco però, come diceva gente più brava di me, che per fare il salto di qualità ci voleva altro. E quest’altro Brunel ce lo sta facendo vedere.

 

images

Annunci

2 risposte a "#6Nazioni : Italia-Francia da 1 a 10"

  1. Come mi segnalava una cara amica “un’altra cosa che ieri non mi è piaciuta sono stati i fischi all’incitamento dei tifosi francesi alla loro squadra, si può fare un bel contro coro, urlare più forte, ma non fischiare……”.
    Confermo ampiamente, a questo comportamento voto ZERO.

    Mi piace

  2. Mi segnalano ancora che “durante l’intervista Brunel ha ringraziato il precedente allenatore della nazionale, perché non è un caso che l’Italia oggi giochi così, aveva già trovato una squadra pronta a raggiungere questi risultati, …”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...