Da “following Apple” a “Apple is following” ovvero, iPhone in crisi


Whyne

Non voglio fare quello che dice “l’avevo detto”. Prima perché l’avevo detto togliendomi il vestito di “quasi addetto ai lavori” e mettendomi quella di consumatore. E poi perché il tutto, lo scritto, fu il frutto di sensazioni e osservazioni personali e non di indagini di mercato.

Sostenni al tempo che la scomparsa di Steve Jobs non avrebbe fatto altro se non accelerare un declino fisiologico contro il quale combattono tutte le aziende hi-tech. Declino che, a mio parere, Apple stava addirittura accelerando cullandosi eccessivamente sugli allori delle straordinarie vendite di alcuni prodotti. Il cullarsi lo spiegavo con l’uscita di ulteriori modelli abbastanza poveri di novità, venduti solo facendo affidamento sull’hype del marchio.

Opinioni personali, appunto. Di seguito invece qualche dato letto oggi.

Scrive Repubblica: “Mentre Samsung taglia il traguardo di 100 milioni di smartphone Galaxy venduti, si addensano nubi intorno alla società di Cupertino. L’accoglienza sotto le aspettative dell’iPhone…

View original post 129 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...