Il momento è delicato


librini


Impanicata perché avevo finito i libri che mi ero portata in vacanza, ho comprato al supermercato di Olbia (librerie non ce n’erano, nei dintorni) questa raccolta di racconti di Ammaniti. Lo conoscevo da “Fango”, non mi aspettavo nulla di diverso, ma neanche me lo aspettavo così ripetitivo. Non solo nelle braccia staccate e nelle spine dorsali afferrate da pazzi dimenticati da Dio e dalle nonne, ma anche nello stile: se si esclude qualche tentativo di svolgere il racconto alla seconda persona singolare, la voce è sempre la stessa, pagina dopo pagina. Stesse similitudini fantasiose, simil-postmoderne: troppo fantasiose, simil-postmoderne!
E poi alcune ripetizioni: l’intestino che è stato operato e che è più corto di un paio di metri, la cameriera filippina che ha sempre lo stesso nome… mi sono persa io qualcosa e si trattava di racconti legati tra loro??
Insomma, ho faticato per arrivare alla fine e se ho visto…

View original post 104 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...